Capodanno 2021 Scopri il menu speciale
  • Antico Fattore

Passione e tradizione

I Segreti della Nostra Cucina

Amiamo cucinare secondo la tradizione fiorentina. Cuciniamo solo con i migliori ingredienti selezionati, locali, del territorio e stagionali. Le nostre proposte di piatti esaltano al massimo le specialità tipiche fiorentine e toscane nel rispetto dell'antica tradizione. Amore e passione portano a tavola dal 1865 l'arte culinaria fiorentina.

Scopri qui di seguito le ricette tradizionali che serviamo in tavola ogni giorno per celebrare la nostra storia e appagare il palato dei nostri commensali.

Salsiccia e Fagioli

gusto autentico toscano

Una ragione precisa sull’origine del nome per questo piatto tipicamente fiorentino non c’è e l’unico che ha cercato di dare una risposta a questo quesito è stato il padre della cucina italiana, Pellegrino Artusi, secondo il quale il sugo che rende i fagioli tanto appetibili e straordinari è molto simile a quello che si usa per la cottura di piccola cacciagione.

Maggiori Dettagli

Antico Fattore  

Trippa alla fiorentina dell'Antico Fattore

sapore autentico senza tempo

Economica, modesta, povera. Queste le tante definizioni della trippa. Doveroso aggiungere un’altra caratteristica: quella di essere, insieme al lampredotto la rappresentazione per eccellenza del “cibo di strada alla toscana”.

Maggiori Dettagli

Antico Fattore  

Pappa col pomodoro dell'Antico Fattore

patrimonio toscano e dei contadini

Questo non è solo un piatto icona diventato nel tempo un cult ma è la rappresentazione ludica e goliardica della cucina toscana contadina, spesso musa ispiratrice anche di altri scrittori quali peresempio Collodi. Mentre ne assaporiamo lo straordinario sapore rivediamo su You Tube gli episodi dello sceneggiatore RAI anni ’60 a puntate in cui una esilarante, travolgente e bravissima Rita Pavone interpretò magistralmente il pestifero Giannino alias Gian Burrasca.

Maggiori Dettagli

Antico Fattore  

La Carabaccia dell'Antico Fattore

La francesce "soup à l’oignon"

Nel rinascimento era di moda, nelle grandi famiglie nobili fiorentine, esaltare il gusto con sapori “dolci”. Questa zuppa, il cui termine indica un contenitore concavo, o zuppiera, ne è una mirabile espressione. Caterina de Medici portò la ricetta da Firenze a Parigi. Col tempo i francesi la trasformarono nella conosciuta soup à l’oignon.

Maggiori Dettagli

Antico Fattore  

Fagioli all'uccelletto

rinomato contorno toscano

Senza ombra di dubbio il contorno più rinomato della cucina tradizionale toscana sono i fagioli all’uccelletto. Una ragione precisa sull’origine del nome per questo piatto tipicamente fiorentino non c’è e l’unico che ha cercato di dare una risposta a questo quesito è stato il padre della cucina italiana, Pellegrino Artusi, secondo il quale il sugo che rende i fagioli tanto appetibili e straordinari è molto simile a quello che si usa per la cottura di piccola cacciagione. E da qui l’appellativo.

Maggiori Dettagli

Antico Fattore  

Schiacciata alla fiorentina

dolce di Firenze per eccellenza

Il carnevale venne introdotto in Toscana durante il medioevo. A Firenze in quell’epoca però c’era una tradizione molto particolare: i giovani anziché lanciarsi colorati quadratini di carta tiravano sassi l’un contro l’altro, con conseguenze a volte estreme. Nei decenni questo costume continuò a perdurare e solo l’intervento di Girolamo Savonarola, riuscì a moderare la situazione. Alla sua morte però l’usanza riprese e durò fino al Rinascimento, quando le pietre furono sostituite da palloni fatti di stracci bagnati e pieni di fango.

Maggiori Dettagli

Antico Fattore  

Il Castagnaccio

ricetta di un dolce perfetto

Migliaccio a Firenze, Baldino ad Arezzo, Ghirighio nel pratese.  Di cosa stiamo parlando? Del castagnaccio! Si racconta che sia nato dalla creatività e dalla penna di Pilade da Lucca, che parlò nei suoi scritti (1553) del “castagnazzo” e che lo elevò da pietanza povera delle famiglie contadine a dolce di lignaggio della città di Siena.

Maggiori Dettagli

Antico Fattore  

I Cenci

Commedia dell'arte antica

20 APRILE 1751 :nasce a Firenze Luigi del Bono, brillante creatore di commedie popolari, ma sopratutto della maschera carnevalesca fiorentina di Stenterello, che diventa una delle più importanti d’Italia e che è anche l’ultima della “commedia dell’arte antica”. Stenterello non è ricco, è pallido, magro, sommariamente vestito di “cenci” e vive con poco. Ciarliero, polemico, parla il linguaggio del popolo con frasi folkoristiche taglienti ed argute;
a volte impulsivo e a volte apparentemente pauroso.

Maggiori Dettagli

Antico Fattore